, , , ,

Il berretto in lana

Mi è stata richiesta una consulenza per confezionare un berretto in lana.

In effetti si possono trovare le indicazioni in una qualsiasi rivista di lavori a maglia, ma cercherò di descrivere i passaggi per confezionare un berretto molto semplice, a coste doppie con risvolto.

Personalmente mi trovo benissimo con Mani di Fata, bella la rivista mensile, bellissimi gli album.

Tornando al nostro berretto, consideriamo un modello semplice, con cucitura posteriore.

Materiale occorrente:

– 100 gr di lana merinos del colore desiderato

– ferri n. 3

Punti impiegati:

Maglia tubolare: 1° ferro: *1 diritto, passare un punto a rovescio senza lavorarlo, tenendo il filo sul davanti del lavoro*, ripetere da *a* per tutto il ferro.

Punto costa doppia: si alternano 2 punti a diritto e 2 punti a rovescio.

Consiglio di fare sempre un campione prima di iniziare il lavoro; al momento dell’acquisto, sull’etichetta della lana, si possono trovare le informazioni necessarie per un campione di 10 cm X 10 cm, quindi i punti da avviare e i ferri da lavorare.

Esecuzione:

Per un berretto confezionato con una lana di media pesatura, da lavorare con ferri n.3, avviare 156 punti e lavorare 4 ferri a punto tubolare. Su YouTube ho trovato alcuni video molto chiari di BettaKnit

Terminati i 4 ferri a punto tubolare, proseguire a coste doppie

A 18 cm di altezza totale iniziare le diminuzioni, 1 punto ogni 8, sempre a rovescio; per eseguire 1 diminuzione a rovescio, lavorare 2 punti assieme a rovescio.

Diminure ogni 2 ferri, 1 punto ogni 8 a rovescio, per altre 3 volte; ripetere le stesse diminuzioni, ma questa volta sui punti diritti delle coste, sempre 1 punto ogni 8. Per eseguire 1 diminuzione a diritto passare un punto a diritto senza lavorarlo, lavorare a diritto il punto successivo, far cadere il punto passato sopra quello lavorato (punto accavallato)

Ripetere le diminuzioni sulle maglie a diritto per altre 3 volte, si otterà così una lavorazione a coste 1/1, proseguire fino a raggiungere 25 cm.

Per la chiusura tagliare il filo mantenendo una lunghezza circa 20/25 cm, infilare il filato in un ago per maglia e far passare l’ago attraverso i punti, passandoli direttamente dal ferro all’ago. Raccolti tutti i punti sul filo, arricciare e fissare a rovescio con qualche punto nascosto. Cucire a rovescio il berretto fino a circa 5/6 cm dal bordo, rivoltare il berretto e terminare la cucitura sul diritto del lavoro, in modo tale che piegando il risvolto del berretto la cucitura rimanga nascosta.

Il modello è molto semplice, ma se non fossi stata abbastanza chiara…chiedete pure! 😉

22 commenti
  1. Giulia
    Giulia dice:

    Ciao! Complimenti, il cappelli è davvero molto bello. Volevo provare a farlo ma ho alcuni dubbi che spero tu possa chiarirmi (abbi pazienza ma ho cominciato da poco a lavorare a maglia):
    Per l’avvio delle maglie, mi conviene usare un filo di diverso colore per l’avvio tubolare avviando la metà delle maglie +1? Oppure deve essere un avvio normale col filo da usare per il lavoro e poi continuare con lo schema del 1° ferro?
    Se devo avviare con filo di diverso colore, dopo aver avviato la metà delle maglie +1 poi come devo proseguire? Continuo ad avviare le altre col filo del lavoro fino a raggiungere il num tot delle maglie da avviare o devo avviare solo la metà +1 e poi iniziare il primo ferro col colore da usare per il lavoro?
    Dopo che ho lavorato il primo ferro secondo il tuo schema, il 2° fino al 4° sono uguali o dopo il primo, il secondo lo devo lavorare al rov ecc? (cioè: 1° ferro: *1 diritto, passare un punto a rovescio senza lavorarlo, tenendo il filo sul davanti del lavoro*, ripetere da *a* per tutto il ferro. 2° ferro: ???).
    A 18 cm di altezza totale iniziare le diminuzioni, 1 punto ogni 8, sempre a rovescio……Diminure ogni 2 ferri, 1 punto ogni 8 a rovescio, per altre 3 volte (dai 18 cm diminuzioni ogni 2 ferri 1 punto ogni 8 al rov.? Per quanti ferri in tot al rovescio e quanti a diritto in tot)? Scusami se ti ho fatto mille domande, ma sono inesperta e vorrei essere sicura di capire bene lo schema 🙂
    Grazie mille!!!!

    Rispondi
    • Maria Cristina Pizzato
      Maria Cristina Pizzato dice:

      Ciao Giulia, scusami, mi sono accorta Di non averti piu’ risposto dopo il mio primo contatto di dicembre! Spero sarai riuscita a continuare il lavoro comunque.
      Contattami pure se hai ancora bisogno!

      Rispondi
      • Giulia
        Giulia dice:

        Ciao!!! Sì, sono arrivata a circa 18 cm e devo cominciare con le diminuzioni ma ho delle difficoltà (sicuramente dettate dalla mia inesperienza)…..tu dici: A 18 cm di altezza totale iniziare le diminuzioni, 1 punto ogni 8, sempre a rovescio……Diminure ogni 2 ferri, 1 punto ogni 8 a rovescio, per altre 3 volte.
        Intanto ti volevo chiedere: le diminuzioni le inizi sul dritto del lavoro o sul rovescio? E poi, 1 ogni 8 cioè il punto 9 e il 10 lavorati insieme a rovescio? O l’ottavo e il nono insieme? Poi suppongo girando il lavoro dopo il ferro di diminuzioni bisogna lavorarlo come si presenta. Finiti i ferri di diminuzioni al rovescio, devo proseguire con le diminuzioni al dritto delle coste, cioè? Ti ringrazio se mi puoi spiegare, perchè mi sono bloccata ai 18 cm. Grazie mille Maria Cristina!!! Attendo tue notizie 🙂

        Rispondi
          • Giulia
            Giulia dice:

            Grazie per l’aiuto che non mi hai voluto dare (visto che ho chiesto per ben 2 volte chiarimenti e non ne ho avuti)!!!
            La prima volta mi hai risposto scusandoti simpaticamente del ritardo nella risposta, ma non hai nemmeno accennato a nessuna delle domande che ti avevo fatto. Alla mia seconda palese richiesta di aiuto, non ti sei nemmeno degnata di rispondere.
            Allora mi chiedo: perchè metti una spiegazione di un berretto, quando non vuoi assolutamente che la gente lo possa confezionare??? E dico questo per diversi motivi: il primo è che la tua spiegazione del berretto è erronea e difficilmente interpretabile in italiano (scritta malissimo, oltre che sbagliata); e questo non lo asserisco io (che non sono un’esperta e quindi non mi permetto, lo sottolineo) ma gente esperta di maglia che leggendola è rimasta molto perplessa ed ha commentato negativamente (ed io mi limito solo a riferire). Poi una persona ti chiede consiglio o chiarimenti più volte e tu o rimani sul vago o non rispondi (basta vedere tutti i commenti sotto, anche di altre persone e le tue risposte);una persona spende soldi per comprare la lana, perde del tempo per provare a fare il modello da te esposto e poi si blocca e tu che fai? Te ne freghi, e questo non lo trovo molto serio e corretto (ma ognuno per carità si comporta come meglio crede, vuol dire che tu probabilmente sei abituata così)! Non mettetele le spiegazioni su internet (soprattutto se sbagliate volutamente o non, oppure scritte male) quando in realtà non volete assolutamente che qualcuno poi li confezioni! Piuttosto trovatevi altri passatempi, invece che far perdere tempo e soldi al prossimo!
            Puoi anche cancellare il mio post, non mi interessa nulla…..l’importante è che lo hai letto e ci rifletta su (il mio infatti è un consiglio! 😉 )
            Ps: non mi interessa nemmeno la tua risposta ormai….. non aprirò più questa pagina, per me inutile.

  2. rosanna
    rosanna dice:

    ciao avrei bisogno di un modello semplice della mantellina della nonna con relativa spiegazione grazie sono un po una frana a lavorare ai ferri grazie

    Rispondi
    • Rosanna
      Rosanna dice:

      Ciao Maria Cristina vorrei fare uno sciallino della nonna se hai qualche modello semplice ai ferri sai non sono tanto brava spero che sia facile come il berretto in lana l’ho fatto è miè venuto bene ringrazio in anticipo aspetto la tua risposta

      Rispondi
  3. valentina
    valentina dice:

    scusa se disturbo. ciao mi chiamo valentina e sono una new entry dei ferri, ho sempre usato l’uncinetto, il mio primo lavoro ai ferri è stata una sciarpa, per il mio ragazzo, ora vorrebbe anche un cappello, ma non riesco a seguire i passaggi se non li vedo reggistrati in un tutorial completo, non è che potresti postare un tutorial completo di un lavoro per cappello?????grazie

    Rispondi
    • Maria Cristina Pizzato
      Maria Cristina Pizzato dice:

      Ciao Valentina, intanto complimenti per la passione scelta :)); per quanto riguarda il tutorial, tutto si può fare, cercherò di accontentarti, intendi una spiegazione con foto o un video presumo…Nel frattempo, se hai già fatto una sciarpa, riesci secondo me, a fare anche un cappello. Prova a seguire questo modello http://www.pensierifattiamano.it/berretto-e-sciarpa-maxi-knitting/; anzichè utilizzare i ferri circolari, usa quelli diritti, avvia le maglie in base al filato prescelto e lavora 6 cm a coste 2/2 (2 diritti e 2 rovesci) poi prosegui a maglia rasata rovescia per 22 maglie, infine inizia a diminuire. Se hai difficoltà riscrivimi!

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *