Come scegliere il condizionatore per la casa

Come scegliere il condizionatore per la casa

Quello del condizionatore d’aria è uno dei problemi moderni che attanagliano un po’ tutte le abitazioni. Qualsiasi sia l’impianto di gestione interna delle energie, il condizionatore rimane idea fissa per ogni famiglia, usandolo maggiormente nel periodo estivo per rinfrescarsi delle calure di stagione.

Vale la pena intanto definire la differenza tra condizionatore e climatizzatore, termini che sembrano sinonimi ma non lo sono affatto. Il condizionatore infatti permette di controllare la temperatura delle stanze di un determinato ambiente, valutando così il grado di umidità all’interno dell’aria, nonché il livello di circolazione.

Cosa ben diversa fa il climatizzatore, che dà più stabilità nel controllare la temperatura, abbinando le velocità del ventilatore ed è più utilizzato soprattutto nei tempi invernali con le varie modalità di riscaldamento tramite le pompe di calore.

Che tipo di condizionatore scegliere?

Il condizionatore (che può essere multi split oppure mono split) ha delle modalità di lavoro molto più semplificatore ed è quello che viene preferito in ambienti di lavoro, in uffici o comunque in spazi chiusi. Rinfrescare l’aria attraverso varie velocità permette di portare fresco sollievo, e non è caso che esista da oltre un secolo grazie a un’invenzione dell’ingegner americano William Carrier, datata addirittura nel 1902. Dunque, da 120 anni siamo circondati da condizionatori che… condizionano al meglio la nostra vita, permettendoci così di averne anche vantaggi dal punto di vista della salute.

Come scegliere un condizionatore più adatto per tutte le nostre esigenze è presto detto.

Partiamo dai condizionatori fissi split che sono i più diffusi e constano di un’unita interna che è collegata attraverso le tubazioni con un’unita esterna. La maggiore qualità sta ovviamente nell’affidabilità che possono fornire, per la capacità di poter esser eccellenti per un sacco di tempo, nonché per l’impatto acustico e termico che rimane intatto. Si possono installare anche dei condizionatori fissi multi-split. Rispetto alla categoria precedente ci sono alcune cose uguali ma anche alcune differenze. Queste ultime riguardano le maggiori unità che vengono collegate direttamente all’esterno e servono maggiormente per riscaldare e adattarsi degli spazi molto più ampi, come possono essere degli appartamenti o delle villette, garantendo comunque la stessa qualità e lo stesso circolo dell’aria in ogni stanza.

I condizionatori possono avere o meno determinati gradi di tecnologia. Quella inverter (che modula praticamente la velocità dei compressori, avendo praticamente solamente l’energia pura, senza portare sprechi) oppure senza tecnologia con la velocità massima o spenta.

Condizionatori portatili

Ovviamente, oltre ai modelli fissi esistono anche quelli portatili, che non necessitano di installazione da parte del personale qualificato, come può essere invece nel caso dei condizionatori fissi.

I portatili partono da quelli definiti a monoblocco, i più comodi e praticamente pronti all’occorrenza e in ogni evenienza. Se questo è il punto in favore, quello a sfavore riguarda effettivamente il livello di rumorosità, in quanto la parte nevralgica dell’intera struttura è il compressore che rimane all’interno della nostra stanza. Ha bisogno pure di un’apertura per espellere i reflussi dell’aria calda.

Oltre ai monoblocco, esistono i condizionatori portatili split, da preferire in quanto hanno la cosiddetta “valigetta” che può essere installata all’esterno per garantire un miglior circolo termico ed evitare anche qualche spreco.

Condizionatori ed efficienza energetica

Non meno importante è il qualitativo sui livelli di efficienza energetica del nostro condizionatore, che permette di far risparmiare euro utili sulla bolletta, nonché dando…respiro all’ambiente nel regolare il rapporto tra la potenza maturata e i nostri consumi. Se negli anni precedenti le scale erano quasi ignote, ora si avvicina sempre più alla perfezione e alla riduzione dell’energia, andando nelle varie scale A per arrivare ad A +++

Non meno importante è la manutenzione costante da affidare sempre a un professionista. I tecnici della vostra ditta devono garantire il funzionamento del condizionatore e riparare in tempo eventuali perdite e dispersione di energia.

Danila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *