Lavorare a maglia: il punto legaccio

Lavorare a maglia: il punto legaccio

Il lavoro a maglia comprende diverse tecniche e punti che possono essere affinati e migliorati nel corso della pratica. Un capo realizzato interamente a mano conserva sempre un fascino intramontabile rispetto ai campi di abbigliamento industriali prodotti in serie.

Sia che si tratti di una passione, oppure di un pensiero da regalare, il lavoro a maglia riesce a dare grandi soddisfazioni al termine dell’opera eseguita. Oggi voglio parlarvi per l’appunto di un punto specifico chiamato punto legaccio. Questa tecnica alterna, nella parte dritta della lavorazione, l’utilizzo di un ferro dritto e di un ferro a rovescio. Il punto legaccio viene utilizzato soprattutto nelle lavorazioni all’uncinetto.

Come eseguire il punto legaccio

Per realizzare il punto legaccio è necessario lavorare il primo ferro, ma anche quelli successivi, sfruttando la tecnica delle maglie a diritto. Per eseguire il diritto si deve per ciò inserire il ferro destro nella direzione del ferro sinistro sul davanti e gettare quindi il filo sul ferro. La maglia deve essere estratta per essere passata dal ferro sinistro a quello destro.

Tra i materiali necessari si devono reperire i ferri da lavoro e il filato di proprio gusto, dalla trama leggermente più grossa rispetto al solito. Il conteggio del numero di ferri può essere tenuto tenendo conto sia dei ferri rientrati, sia quelli a rilievo. Il risultato finale del punto legaccio appare uguale sia nel dritto che nel rovescio, caratterizzato dalla formazione di leggere onde disposte a rilievo.

Approfondimenti e consigli

Il punto legaccio si dimostra particolarmente semplice da eseguire, per questo motivo si rende adatto anche per chi si trova alle prime esperienze con i ferri o l’uncinetto. Il punto legaccio tende a rimanere piatto, ma i dimostra anche un punto del tutto reversibile. Grazie a quest’ultima caratteristica il punto legaccio può essere utilizzato nella lavorazione di sciarpe, centrini, maglioni per adulti e bambini, ma anche borse e coperte.

Tra gli inconvenienti di questa tecnica di lavorazione si trova un’eccessivo allungamento del punto legaccio, spesso sfruttabile anche come un vantaggio. Un altro lato ‘negativo’, se così vogliamo chiamarlo, è rappresentato dalla lunghezza della lavorazione delle maglie, ma anche dallo spessore.

Serena B

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *