Alcune curiosità sui dipinti del Rinascimento e dove acquistarli

Alcune curiosità sui dipinti del Rinascimento e dove acquistarli

Il periodo di rinascita culturale, artistica, politica ed economica che caratterizza la storia europea dal XIV al XVII secolo, conosciuto come “il periodo del Rinascimento”, ha promosso la riscoperta della filosofia, della letteratura e dell’arte.

Alcuni dei più grandi pensatori, scienziati e artisti della storia hanno prosperato durante quest’epoca, mentre l’esplorazione globale apre in nuove terre e culture il commercio europeo. Il Rinascimento è il ponte che colma il divario tra il Medioevo e la civiltà moderna.

Leggi questo articolo per scoprire quali sono:

  • Le caratteristiche principali del Rinascimento
  • I geni del Rinascimento,
  • I dipinti più importanti del 400 e 500 e del 600

Le caratteristiche principali del Rinascimento

Durante il XIV secolo, un movimento culturale chiamato umanesimo iniziò a prendere piede in Italia. Tra i suoi numerosi principi, l’umanesimo promuoveva l’idea che l’uomo fosse il centro del proprio universo e che le persone dovrebbero esprimere il proprio valore come esseri umani nell’istruzione, nelle arti classiche, nella letteratura e nella scienza.

Caratteristiche e pilastri del Rinascimento:

  • Umanesimo
  • Arte
  • Scienza
  • Navigazione e geografia
  • Musica
  • Religione
  • Autoconsapevolezza

Geni del Rinascimento

Arte, architettura e scienza erano strettamente legate durante il Rinascimento. In effetti, è stato un momento unico in cui questi campi di studio si sono fusi insieme senza soluzione di continuità.

Ad esempio, artisti come da Vinci hanno incorporato principi scientifici, come l’anatomia nel loro lavoro, in modo da poter ricreare il corpo umano con straordinaria precisione. E i dipinti del 400, 500 e 600 ne sono la prova.

Architetti come Filippo Brunelleschi hanno studiato matematica per ingegnerizzare e progettare con precisione edifici immensi con ampie cupole.

Alcuni degli intellettuali, artisti, scienziati e scrittori del Rinascimento più famosi:

Desiderius Erasmus (1466-1536): studioso olandese che ha definito il movimento umanista nel Nord Europa. Traduttore del Nuovo Testamento in greco.

Rene Descartes (1596–1650): filosofo e matematico francese considerato il padre della filosofia moderna. E’ sua la famosa affermazione: “Penso; quindi sono. “

Galileo (1564-1642): astronomo, fisico e ingegnere italiano il cui lavoro pionieristico con i telescopi gli ha permesso di descrivere le lune di Giove e gli anelli di Saturno. Posto agli arresti domiciliari per la sua visione di un universo eliocentrico.

Nicolaus Copernicus (1473–1543): matematico e astronomo che ha formulato il primo argomento scientifico moderno per il concetto di un sistema solare eliocentrico.

Dante (1265-1321): filosofo, poeta, scrittore e pensatore politico italiano autore di “La Divina Commedia”.

Niccolò Machiavelli (1469-1527): diplomatico e filosofo italiano famoso per aver scritto “Il principe” e “I discorsi su Livio”.

William Shakespeare (1564-1616): il “poeta nazionale” dell’Inghilterra e il più famoso drammaturgo di tutti i tempi, celebrato per i suoi sonetti e le sue opere come “Romeo e Giulietta”.

Donatello (1386–1466): scultore italiano celebre per sculture realistiche come il “David”, commissionate dalla famiglia Medici.

I dipinti più importanti del 400 e 500 e del 600

Dipinti del 400 e 500

Leonardo da Vinci (1452–1519): pittore, architetto, inventore e uomo del Rinascimento italiano. Tra i sui dipinti più famosi c’è La Gioconda e L’ultima cena.

La Gioconda di Leonardo si collega bene con le opere di Masaccio, perché mostra il suo approccio alla prospettiva atmosferica, ottenuto utilizzando le tecniche pittoriche dello sfumato e del chiaroscuro e anche dimostrando l’aumento di un interesse per la ritrattistica dei mecenati.

Confrontando il ritratto di Leonardo con precedenti ritratti di donne, è facile vedere che molti aspetti importanti della ritrattistica femminile e della pittura in generale stavano cambiando (pittura a olio, vista frontale, maggiore interesse per la psicologia del soggetto) in direzione dell’umanesimo, del naturalismo e dell’individualismo.

Sandro Botticelli (1445-1510): pittore italiano della Nascita di Venere.

Raphael (1483–1520): pittore italiano che ha imparato da Leonardo e Michelangelo. Meglio conosciuto per i suoi dipinti Madonna e La scuola di Atene.

Michelangelo (1475–1564): scultore, pittore e architetto italiano che scolpì il David e dipinse la Cappella Sistina a Roma.

Tiziano (1488-1576): pittore italiano celebrato per i suoi ritratti di Papa Paolo III e Carlo I e per i suoi successivi dipinti religiosi e mitici come Venere e Adone e Metamorfosi.

Giotto (1266-1337): pittore e architetto italiano le cui rappresentazioni più realistiche delle emozioni umane hanno influenzato generazioni di artisti. Meglio conosciuto per i suoi affreschi nella Cappella degli Scrovegni a Padova.

Per acquistare i dipinti clicca qui.

Dipinti del 600

Parmigianino, Madonna dal collo lungo, 1534-1540

La Madonna dal collo lungo del Parmigianino (1534-1540) è caratteristica dello stile manierista per la sua chiara deviazione dalle tradizioni artistiche alto rinascimentali. Il manierismo è stato definito in molti modi, ma può essere molto utile introdurlo attraverso un confronto tra l’opera del Parmigianino e un’opera dell’Alto Rinascimento come la Madonna del Prato di Raffaello.

Sofonisba Anguissola, Autoritratto al cavalletto, 1556

Sofonisba Anguissola, Ritratto delle sorelle dell’artista, 1555

Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1584-1585

Annibale Carracci, Matrimonio mistico di Santa Caterina, 1585-1587

Quest’opera mostra come Annibale ha modificato il suo stile per adattarlo al suo soggetto. In linea con gli sforzi di riforma artistica del Concilio di Trento, l’argomento è presentato in modo chiaro senza eccessiva nudità o ambiguità teologica (l’episodio era basato sull’esperienza visionaria di Santa Caterina). Gli ideali classici dell’Alto Rinascimento hanno saldamente sostituito la sperimentazione dello stile manierista.

Gli studiosi ritengono che la fine del Rinascimento sia stata il risultato di diversi fattori combinati: numerose guerre, gli invasori spagnoli, francesi e tedeschi che combattevano per i territori italiani causarono disordini e instabilità nella regione.

Inoltre, il cambiamento delle rotte commerciali portò a un periodo di declino economico e limitò la quantità di denaro che i ricchi contribuenti potevano spendere per le arti.

Successivamente, in un movimento noto come Controriforma, la chiesa cattolica censurò artisti e scrittori in risposta alla Riforma protestante. Molti pensatori del Rinascimento temevano di essere troppo audaci, il che soffocò la creatività.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *