Il completino azzurro da neonato

Il completino azzurro da neonato

Nella lavorazione manuale della lana i completi per neonati, come quello azzurro, si dimostrano particolarmente creativi da realizzare. In questo caso è necessario optare per una tipologia di materiali di lavorazione piuttosto morbida, in modo tale da evitare qualsiasi fastidio sulla pelle del neonato. I completini azzurri per neonati si adattano soprattutto alle occasioni speciali come il Battesimo, ma possono essere confezionati anche per un regalo, o come tutina da utilizzare nel quotidiano.

Materiale occorrente

I completi azzurri per neonati si adattano dai 2 ai 5 mesi di vita, a seconda della corporatura del bambino. Per questa tipologia di realizzazione occorrono: 250 grammi grammi di lana adatta ai neonati, lavabile a mano, oppure in lavatrice, e irristringibile; ferri numero 2 e numero 2,5. I punti che devono essere impiegati nella lavorazione sono: maglia tubolare, punto costa, coste doppie, maglia rasata, punto legaccio e punto operato.

Schema di lavorazione per realizzare il completino azzurro

Per la realizzazione della parte davanti del completino azzurro per neonati è necessario utilizzare i ferri numero 2.5 avviando 89 punti. In questo caso si devono lavorare 8 ferri con il punto a legaccio, per proseguire poi con i punti a maglia rasata. Raggiunti i 18,5 cm di altezza si deve proseguire lo schema di lavorazione con i punti a legaccio. Durante l’esecuzione del primo ferro sono necessarie 11 doppie diminuzioni verso i 53 punti centrali. Ogni doppia diminuzione richiede una lavorazione di 3 maglie a diritto.

Da qui si devono eseguire 4 ferri con punti a legaccio, proseguendo a punto operato intrecciando in contemporanea 2 punti per ogni parte dell’incavo corrispondente alla manica. Per proseguire è necessario intrecciare 1 punto nel secondo ferro utilizzato. Raggiunti i 25,5 cm di altezza complessivi si possono intrecciare 17 punti centrali per la creazione dello scollo in un’unica lavorazione. A questo punto è necessario lavorare su due parti in modo separato, diminuendo 1 punto internamente allo scollo e 2 punto ogni due ferri di lavorazione, per un totale di 5 ripetizioni.

Ad ogni diminuzione si devono lavorare 2 punti assieme in modo diritto. Una volta arrivati a 30 cm di altezza si passa alla lavorazione della spalla, intrecciando tutti e 17 i punti rimanenti in un unico procedimento. Lo stesso schema deve essere seguito anche per la creazione della spalla opposta, in senso inverso. Per la creazione della parte posteriore destra del completino azzurro si devono utilizzare i ferri numero 2.5, avviando in questo caso 43 punti.

Si rende quindi necessario lavorare 8 ferri a punto a legaccio, per proseguire a maglia rasata. Raggiunti i 18,5 cm di altezza totali si deve proseguire lavorando i punti a legaccio, continuando con 5 doppie diminuzioni in corrispondenza dell’esecuzione del primo ferro sui 23 punti centrali. In questo caso si segue lo schema dei 4 ferri con punto a legaccio, punto operato e allo stesso tempo intrecciare 2 punti in un’unica volta per l’incavo della manica.

Per proseguire è necessario intrecciare 1 punto nel secondo ferro. A 29 cm di altezza si passa allo scollo della nuca intrecciando 11 punti in un unico passaggio, per intrecciare 2 punti a lato dello scollo nel 2 ferro di lavorazione. Raggiunti i 30 cm di altezza totale si devono intrecciare 17 punti in un unico passaggio. Per la lavorazione della parte retro sinistra del completino azzurro si deve seguire lo stesso schema spiegato per la parte destra, ma in senso inverso.

Per la realizzazione della manica si utilizzano i ferri numero 2, a colori contrastanti, avviando 40 punti su un ferro a diritto che verrà successivamente sfilato. Con il colore azzurro è necessario lavorare 1 ferro al rovescio e 3 ferri a maglia tubolare, per poi proseguire con il punto costa. A 1,5 cm di altezza si devono invertire i ferri numero 2.5 con la tecnica della maglia rasata, ad 11 aumenti nell’esecuzione del primo ferro.

Ad ogni aumento, in questo caso, è fondamentale sollevare il filo in posizione orizzontale tra 2 punti seguendo lo schema di un punto diritto crociato. A questo punto si devono andare ad aumentare i lati in senso interno dal primo all’ultimo punto, nello schema: 1 punto ogni 6 ferri per 7 volte complessive, allargando il tutto con i punti a maglia rasata. Raggiunti i 14 cm di lavorazione si passa all’arrotolamento della manica intrecciando ai lati 3 punti e gli 11 punti rimasti in un’unica operazione.

La confezione del completino azzurro per neonati prevede anche i ricami a punto margherita e i ricami a punto nodino. Per la realizzazione delle ghettine del completino si devono lavorare i ferri numero 2, con la lana a colore contrastante, avviando 20 punti su un ferro a diritto, successivamente sfilato. Con la lana di colore azzurro si deve lavorare un ferro al rovescio, 3 ferri a punti maglia tubolare, continuando con il punto a costa. A 1,5 cm di altezza di lavorazione raggiunti si può proseguire con i ferri numero 2.5 ripartendo 16 aumenti, a maglia rasata, nell’esecuzione del primo ferro di lavoro.

Da qui si devono quindi aumentare i lati in modo interno dal primo all’ultimo punto nello schema: 1 punto ogni 10 ferri per una ripetizione di 5 volte complessive. Raggiunti i 13 cm di altezza si può passare all’esecuzione dell’altra gamba lavorando allo stesso modo descritto. Una volta terminata anche la seconda gamba si devono riunire le due gambe all’interno di un unico ferro avviando 7 punti corrispondenti al cavallino nello schema: 1 punto ogni 2 ferri, per 3 ripetizioni complessive.

Le diminuzioni del cavallino seguono lo schema: 1 accavallamento, 2 punti lavorati assieme al termine del lavoro in diritto. A 30 cm di altezza raggiunti si passa alla lavorazione del bordo vita del completino azzurro, dove lavorare a coste doppie con i ferri numero 2, con 3 diminuzioni nell’esecuzione del primo ferro. A 34,5 cm di altezza è necessario intrecciare tutti i punti presenti in un unico passaggio, diritto su diritto e rovescio su rovescio.

La parte posteriore segue lo stesso schema appena descritto, con 14 aumenti nella lavorazione del primo ferro a punti a maglia rasata. Il confezionamento prevede la cucitura del bordo e ricami a punto margherita e a punti a nodini.

Serena B

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *